QUAL E' IL PERIODO MIGLIORE PER VENDERE LA TUA CASA?

Qual è il periodo migliore per vendere casa? 

È arrivato anche per te il momento dei grandi cambiamenti, nella tua vita. Tanto per cominciare, ti tocca mettere in vendita il tuo appartamento e, se ti stai chiedendo se ci sia un periodo migliore per vendere casa, perché magari, intanto, la tua intenzione è di riqualificarlo per aumentare il suo valore sul mercato, la risposta non è semplice e scontata, poiché esistono troppe variabili per avere una vera e propria regola.

Quando ci sono maggiori visite agli immobili? 

Il periodo migliore per la vendita delle case e in cui ci sono maggiori visite agli immobili da parte di quelli che sono i potenziali clienti è senz’altro quello che va da maggio (una volta terminate le festività di Pasqua e i ponti annessi) fino a luglio, prima delle vacanze estive. La bella stagione permette di fare delle fotografie d’impatto che esaltano la luminosità di un appartamento e gli spazi esterni quali le logge e i terrazzi, e questo, ovviamente, favorisce il numero delle visite e suscita l’interesse dei clienti.

Il mese di settembre è un periodo in cui si effettuano molti appuntamenti di vendita, in quanto essi sono in concomitanza con il rientro dalle vacanze estive. L’inizio della nuova stagione rappresenta quindi, per molte famiglie, il momento in cui fare il passaggio in una casa nuova.

La valutazione dell’immobile prima dell’incarico

Quali sono gli aspetti importanti di cui tiene conto l’agenzia in fase di valutazione dell’immobile, prima di prendere l’incarico? E quanto tempo passa, solitamente, dal momento della valutazione a quello in cui l’agenzia prende l’incarico?

Gli aspetti principali di cui tiene conto un’agenzia in fase di valutazione sono:

  • valutare il compra-venduto recente nella stessa via e/o zona in cui è ubicato l’immobile;
  • capire le esigenze dei clienti interessati a vendere, e i motivi che li spingono a prendere una decisione cosi importante;
  • considerare in anticipo le tempistiche necessarie per fare il passaggio da un immobile a un altro (es. nei casi in cui a vendere siano famiglie con bambini);
  • reperire, prima dell’incontro con il cliente, la planimetria e le visure ipocatastali, in modo tale da avere la situazione già abbastanza chiara ancor prima di aver visionato l’immobile di persona.

 

fonte: https://www.gabetti.it/news